F.A.Q.
Domande frequenti sulle idee di Daniel Quinn

LEGGI TUTTE LE FAQ IN UN'UNICA PAGINA
 
TORNA ALL'ELENCO DELLE FAQ

 

HOMEPAGE  |  FORUM  |  CONTATTAMI



FAQ sulla mitologia culturale n° 2:
Ma anche il voler cambiare il modo di vivere della nostra cultura per salvarci dall'estinzione non è forse una manifestazione di presunzione tipica dei Prendi? Non dimostra che rimaniamo prigionieri della nostra mitologia culturale?

Questa domanda rivela un fraintendimento del significato dei termini "Prendi" e "Lascia" (che in effetti sono carichi di connotazioni preconcette, tanto che anche Quinn si è pentito di averli usati).

Essere Prendi non significa essere avido, egoista e assetato di potere e controllo. Significa solo aver deciso di "prendere" in mano il proprio destino producendo tutto il proprio cibo con l'Agricoltura Totalitaria (dettagli), decidendo quindi quali specie sono degne di vivere (quelle a noi utili) e quali invece devono morire (quelle a noi inutili o addirittura dannose).
Una persona può essere buona e generosa quanto si vuole, può fare volontariato ogni giorno e non essere interessato al denaro, ma se vive praticando l'Agricoltura Totalitaria (e quindi infrangendo la Legge della Competizione Limitata), agendo di conseguenza come se il mondo fosse una sua proprietà (anche se lo fa senza accorgersene, in completa buona fede), allora è un Prendi.

Essere Lascia, di contro, non significa essere generoso, buono, altruista o fatalista. Non significa non fare niente per risolvere un problema. Non significa stendersi a terra e lasciarsi morire quando ci si ammala o quando si viene aggrediti. Significa solo non ergersi a divinità decidendo quali specie sono degne di vivere e quali invece devono morire. Ecco in che senso si "lascia" nelle mani degli "dei" il proprio destino.
Una persona può essere avida, egoista, meschina e assetata di controllo quanto si vuole, può fare qualunque cosa per sopravvivere e per evitare l'estinzione della propria specie, può lottare con tutte le proprie forze contro un aggressore e cercare di curarsi in ogni modo dalle malattie, ma se vive senza praticare l'Agricoltura Totalitaria (e quindi senza infrangere la Legge della Competizione Limitata e senza considerare il mondo un proprio possedimento), allora è comunque un Lascia.

Fare di tutto per sopravvivere e per evitare l'estinzione NON significa necessariamente essere un Prendi: dipende da come lo si fa. Se lo si fa infrangendo la Legge della Competizione Limitata e trattando il mondo come una proprietà personale, allora si è un Prendi. Altrimenti si è semplicemente un Lascia che (come tutti i Lascia) compete al massimo delle proprie capacità per sopravvivere, ma senza ergersi a divinità e decidere quali specie devono vivere e quali morire.
E naturalmente, essere fatalista e non curarsi della propria sorte non significa essere un Lascia.


I due termini non hanno un'accezione morale o etica, ma semplicemente pratica. Quinn non sprona ad abbandonare l'Agricoltura Totalitaria e a divenire Lascia per diventare più buoni, tolleranti o fatalisti, o per trascendere le preoccupazioni riguardo la nostra sorte e arrivare all'illuminazione, ma perché infrangere la Legge della Competizione Limitata significa vivere in modo evolutivamente fallimentare e autodistruggersi. Tutto qui.

Quindi voler cambiare il nostro modo di vivere, smettendo di infrangere la Legge della Competizione Limitata, non può in alcun modo essere definito un modo di ragionare "da Prendi": è l'esatto opposto. Significa aver cominciato a ragionare da Lascia. Significa aver smesso di considerare il mondo una nostra proprietà, aver smesso di considerarci una specie superiore alle altre 
che può sterminare quelle che considera inutili senza conseguenze. Significa eliminare dal nostro stile di vita ciò che lo rende Prendi.

Un conto è cercare di mettere una pezza al nostro modo di vivere e di continuare a usarlo, cercando solo di controllarne gli effetti negativi con misure reattive (e quindi inefficaci) come controllo delle nascite, tribunali, prigioni, limitazioni all'inquinamento, ecc., ma conservandone la mitologia culturale, senza mai nemmeno pensare di adottare un altro modo di vivere perché il nostro è l'unico "giusto". (Questo sì che è un approccio tipicamente Prendi.)

Un conto completamente diverso è cambiare stile di vita radicalmente, partendo dalle sue fondamenta, attaccando direttamente le cause del problema, e quindi i pilastri fondanti della cultura Prendi (la sua mitologia culturale). Questo significa creare uno stile di vita nuovo e profondamente, nettamente diverso da quello Prendi. Uno che non condivida la sua stessa mitologia culturale e che quindi agisca anche in modo diverso e sia ecosostenibile, soddisfacente ed egualitario.

Si tratta di due cose completamente diverse, addirittura opposte. Nel primo caso si conservano il modo di vivere e la mentalità attuali, nel secondo li si sostituisce con altri (che abbiano valori ed effetti contrari).


<--- FAQ precedente Torna all'elenco FAQ successiva --->