F.A.Q.
Domande frequenti sulle idee di Daniel Quinn

LEGGI TUTTE LE FAQ IN UN'UNICA PAGINA
 
TORNA ALL'ELENCO DELLE FAQ

 

HOMEPAGE  |  FORUM  |  CONTATTAMI



FAQ generica n° 27:
Quinn mi sembra solo un altro furbone che si è inventato un modo per fare soldi, come un sacco di altri guru ambientalisti/spirituali/new age.

E' vero che Ishmael ha vinto 500.000 dollari nel 1991 piazzandosi al primo posto nel Turner Tomorrow Fellowship (un concorso che premiava la proposta più originale per risolvere il problema ambientale), ma è anche vero che dai 4 sequel Quinn ha guadagnato poco e niente, com'era prevedibile sarebbe successo, visto il carattere tutt'altro che popolare dei suoi libri. Se il suo scopo fosse stato fare soldi, si sarebbe fermato dopo Ishmael.

E' anche vero che esiste un negozietto online di magliette e gadget vari dedicati a Ishmael, ma dubito che i profitti siano tanto alti da giustificare 5 libri, saggi, conferenze, articoli e tutto l'impegno che Quinn ha riversato in questo argomento negli ultimi 30 anni (per arrivare alla stesura finale di Ishmael gli ci sono voluti decenni di ricerche e scrittura, e una decina di stesure fallimentari; anche il tempo e la fatica che deve aver richiesto rispondere alle oltre 540 FAQ sul suo sito devono essere stati notevoli, e non ha ricevuto un solo centesimo in cambio).

Naturalmente, dal suo lavoro qualcosa ci ha guadagnato e continua a guadagnarci, questo è ovvio, ma perché non dovrebbe, visti gli sforzi che gli ha richiesto? E in che modo questo smentisce le sue idee? Se un autore non fa la fame, quello che dice è sbagliato e volto unicamente a fare soldi? Se uno scienziato scrive e vende libri per divulgare le sue scoperte, quelle scoperte non sono vere? (Qualcuno dovrebbe dirlo a Stephen Hawking.)

(Il sottoscritto comunque dalle sue traduzioni amatoriali e da questo sito non ci guadagna assolutamente nulla, è bene precisarlo.)

Accusare Quinn di avidità è solo un modo per evitare di discutere di ciò che dice, niente di più.

Per quanto riguarda l'accusa di essere un ennesimo guru New Age, Quinn stesso ha evidenziato una fondamentale differenza: gli imbonitori New Age sono interessati unicamente agli orpelli più appariscenti delle culture tribali: rituali sciamanici, leggende, capanne del sudore, ruote della medicina, copricapi di piume, totem, amuleti e cose simili, e si limitano a ignorare tutto il resto di ciò che compone quelle culture.
Quinn invece è interessato proprio a quel "resto", ossia al modo in cui i popoli tribali riescono a vivere da centinaia di millenni in modo sostenibile e soddisfacente per tutti i loro membri. Il suo scopo, c
om'è ovvio leggendo i suoi libri, non è certo sfilare soldi alle (tante) persone disposte a pagare per l'illusione di essere più spirituali, più in contatto con la "Madre Terra", e cose simili. Altrimenti avrebbe proceduto in modo ben diverso.
 

<--- FAQ precedente Torna all'elenco FAQ successiva --->