F.A.Q.
Domande frequenti sulle idee di Daniel Quinn

LEGGI TUTTE LE FAQ IN UN'UNICA PAGINA
 
TORNA ALL'ELENCO DELLE FAQ

 

HOMEPAGE  |  FORUM  |  CONTATTAMI



FAQ generica n° 19:
Quinn è un nemico del progresso umano che odia la civiltà.

Quinn semplicemente dà alla parola "progresso" un significato diverso da quello comunemente usato: non considera dei progressi l'avere maggior tecnologia o sistemi sociali più complessi se il prezzo da pagare per averli è un peggioramento della qualità della vita umana e/o un'insostenibilità ecologica che ci condanna all'estinzione. Non è affatto un nemico del progresso, anzi, ne è un grande fautore (tutti i suoi libri hanno lo scopo di incoraggiarlo). E' nemico del regresso spacciato per progresso.

Per quanto riguarda il suo presunto odio verso la civiltà, scrive egli stesso (a pagina 53 della traduzione italiana in PDF di "Oltre la Civiltà", leggibile anche online):

"La gente a cui non piace ciò che dico cercherà spesso di rassicurarsi con il pensiero che sono solo qualcuno che odia la civiltà e che preferirebbe vivere 'a contatto con la natura'. Questo farà sorridere chiunque mi conosca, perché io sono un grande amante della civiltà e vivo felicemente nel cuore della quarta più grande città degli Stati Uniti, a pochi passi di distanza da supermercati, gallerie d'arte, ristoranti, librerie, musei, sale da biliardo, università e centri tatuaggi. (E vivo a contatto con la natura ogni secondo di ogni giorno, 365 giorni all'anno, dato che la “natura” è qualcosa in cui non si può evitare di vivere, non importa dove ci si trovi.)

Oppure mi sfidano a dire quanto mi piacerebbe vivere senza aria condizionata, riscaldamento centralizzato, tubature, frigoriferi, telefoni, computer, e così via. Pensano che io sia un predicatore di povertà, anche se non possono indicare una sola parola nei miei scritti a sostegno di questa convinzione.

Non sono un Luddista o un Unabomber. Non considero la civiltà una maledizione, ma una benedizione che la gente (me incluso) dovrebbe essere libera di abbandonare – per qualcosa di meglio. Ed è qualcosa di meglio che sto cercando, nulla di meno. Coloro che cercano qualcosa di peggio devono sicuramente consultare un libro diverso."


<--- FAQ precedente Torna all'elenco FAQ successiva --->