F.A.Q.
Domande frequenti sulle idee di Daniel Quinn

LEGGI TUTTE LE FAQ IN UN'UNICA PAGINA
 
TORNA ALL'ELENCO DELLE FAQ

 

HOMEPAGE  |  FORUM  |  CONTATTAMI



FAQ sull'agricoltura n° 2:
Quinn intende forse dire che dovremmo abbandonare l'agricoltura?

No. L'agricoltura è una strategia di sostentamento utilizzata anche da innumerevoli culture tribali. In sé non è più dannosa della caccia-e-raccolta, dato che consiste semplicemente nell'incoraggiare la crescita dei propri cibi preferiti.

Quella che dobbiamo abbandonare è la versione estremizzata dell'agricoltura utilizzata dalla nostra civiltà, quella che Quinn definisce "agricoltura totalitaria". Questa è l'unica forma di agricoltura che è insostenibile e non può fare altro che portarci all'estinzione, a causa del circolo vizioso che innesca (più cibo ---> più popolazione ---> ancora più cibo ---> ancora più popolazione) che ci porta a convertire sempre più specie viventi in cibo umano, distruggendo in questo modo sempre più ecosistemi. Interrompiamo questo circolo vizioso, e la nostra agricoltura diverrà sostenibile (naturalmente dovremmo anche ridurre la nostra popolazione a un numero sostenibile e dopo mantenere stabile la produzione di cibo, per poter continuare a esistere indefinitamente.)


<--- FAQ precedente Torna all'elenco FAQ successiva --->